domenica 24 gennaio 2016

Scones inglesi, una coccola domenicale

Buona domenica, oggi vi lascio un post di prima mattina in una giornata che spero sia per tutti dedicata a ciò che più amiamo fare, che sia riposare senza sosta fino all’arrivo della malinconia da domenica sera o lanciarsi in intense attività sportive dalle prime luci del mattino.

Per noi, lo sapete, la domenica è un giorno di festa a metà perché lo chef lavora, ma resta comunque un po’ speciale perché possiamo trascorrere la mattina tutti e tre insieme senza correre, iniziando con un’interminabile colazione in pigiama costellata da pause gioco-musica-giornali-skype con i nonni. Se la giornata è bella cerchiamo di non perdere troppo tempo e infilarci prima possibile nei cappotti per uscire a fare due passi e magari un rinforzo di caffè (e schiuma di latte per il piccolo) al bar vicino casa.

Domenica in famiglia è abbandonare un po’ le regole, dimenticare le mail per un giorno e non guardare troppo l’orologio. Perdersi tra i cuscini del divano guardando insieme un film, fare l’ennesima pasta al pomodoro e olive, uscire anche se piove per non perdere l’ultimo giorno di esposizione dello Spinosauro, impastare dei dolcetti in silenzio mentre minichef dorme e apparecchiare in pompa magna per la merenda per gustarsi la sua sorpresa al risveglio.
Chissà come sarà questa domenica, se ci riserverà sorprese e sorrisi, quali emozioni e quali bontà porterà con sé.

venerdì 22 gennaio 2016

Uova in cocotte con asiago e broccoletti, per fare ordine e ricominciare

A prendere (anzi, riprendere) lo slancio giusto in questo inizio d’anno ci ho messo un po’, lo ammetto. Mi fa strano augurarvi solo oggi buon anno, chiedervi come stia andando gennaio e se la ripresa dopo le vacanze sia stata soft o, al contrario, tosta da affrontare. Il mio 2016 è iniziato così, al calduccio di Palermo e con il desiderio, una volta rientrata a Milano, di prendermi tutto il tempo necessario per pensare, immaginare, decidere ciò che voglio fare. 

In fondo le prime settimane dell’anno sono fatte per i buoni propositi e stavolta ho preso la cosa molto seriamente. Ho bisogno di cambiamenti, di nuovi stimoli ed energie e sono determinata ad andarli a cercare, rincorrerli, costruirli da me se necessario. Ci riflettevo su la scorsa settimana, dopo essere stata con Mariachiara a fare una testimonianza alla Digital School Mondadori. In aula abbiamo raccontato chi siamo, cosa facciamo, come la presenza in rete abbia modificato le nostre vite e influenzato il nostro percorso professionale; volendo sintetizzare abbiamo spiegato come sia possibile trasformare in professione una passione, o per lo meno come si possano far convergere strade inizialmente lontane. Spiegare chi è La femme du chef e cosa è nato negli anni grazie a questo spazio on line (collaborazioni editoriali, l’esperienza da foodcoach per Donna Moderna Live, consulenze nel mondo food) è servito anche a me per confermare l’intento che nell’anno nuovo – al di là di strategie e statistiche - vorrei che il blog mantenesse la sua dimensione personale, il suo essere lo spazio in cui vi racconto di me, della mensa di minichef, del sonno perduto aspettando che rientri lo chef, dei piatti che preparo la domenica mattina o delle ricette che mi donano le amiche, dei miei colpi di fulmine del periodo. 

Forse vi sembrerà poco, ma avere una linea di condotta chiara in mente aiuta molto, serve a fare ordine e procedere con passo spedito verso le proprie mete.

giovedì 31 dicembre 2015

10 ricette per fare il giro del 2015

Il pomeriggio del 31 dicembre è, da che ne ho memoria, un momento particolare, forse il più malinconico dell’anno. Anche senza star lì a fare bilanci, a passare in rassegna i 12 mesi che stanno per concludersi, è inevitabile volgere uno sguardo – seppur distratto – a quanto ci lasciamo alle spalle. Un anno fa scrivevo in queste ore un post fatto non di buoni propositi ma di molta energia. Il 2015 non è stato nelle sue pieghe e appuntamenti più importanti esattamente come lo immaginavo, ma si chiude lasciandomi la percezione di aver seminato cose buone.

Del tanto lavoro, degli sforzi, delle rinunce e delle gioie non è immediato vedere i risultati. Per cui vi auguro e mi auguro per l’anno che inizierà tra poche ore di concretizzare i vostri sogni o semplicemente di riuscire ad aprire davvero gli occhi, realizzando che probabilmente il grosso l’avete già fatto senza nemmeno accorgervene lungo il cammino.
Ieri ho sfogliato le pagine del blog (si potrà dire sfogliare di uno spazio virtuale?) e in ogni ricetta, in ogni riga ho ritrovato me stessa. L’ho considerato come un buon risultato. È poco? No, è quel tanto che oggi mi fa dire per una volta brava.

Ho scelto così 10 ricette del 2015 da portare nel 2016 perché sono buone, sono belle e rappresentano il mio intendere la cucina come luogo di piacere, condivisione e crescita. Tre elementi, questi ultimi, che mi auguro riempiano il 2016 della mia famiglia.
Adesso via con il giro del 2015 in 10 ricette e buon anno nuovo a tutti voi!
~~~

Sono un’onnivora con una spiccata inclinazione per le verdure, che si riflette naturalmente nelle ricette che propongo. Per festeggiare i 5 anni di blog quest’anno ho infornato una torta verde con fave ed erbette...

giovedì 24 dicembre 2015

Regali di Natale: "cose piccole"

È la Vigilia di Natale!
Siete trafelati tra preparativi per la cena e la corsa agli ultimi regali o, invece, trascorrerete le prossime ore in tutto relax perché avete già pensato a tutto? Spero che, in ogni caso, possiate passare dei giorni di festa il più possibile sereni e in buona compagnia. Se, come nel caso della mia famiglia, avete dei bambini saranno senz’altro dei giorni ancora più speciali grazie al loro entusiasmo contagioso.
Il mio ultimo post dedicato alle idee regalo è tutto dedicato ai più piccoli di casa: se siete ancora indecisi su cosa Babbo Natale e le sue renne lasceranno sotto l’albero stanotte date un’occhiata alle proposte che ho trovato per i piccoli foodie e correte a fare shopping!

Tanti auguri di cuore,
Claudia

1. Ristorante parigino - Lego® 
Grazie a minichef (e alla sua sfrenata passione per i Lego Star Wars) ho riscoperto l’amore per i mattoncini più famosi del mondo. Il sito Lego invita a sognare a occhi aperti e a compilare una letterina per Babbo Natale praticamente infinita. Il mio colpo di fulmine, che sono sicura piacerebbe tantissimo anche a tanti bambini, è il Ristorante parigino. Un edificio in perfetto stile francese, curato in tutti i dettagli, con cui passare ore e ore a giocare. Il fiore all’occhiello, naturalmente, è una fornitissima cucina, con piastrelle blu e bianche e stoviglie. Speriamo che Babbo Natale legga il mio blog… ;-)
Prezzo €149,99

2. Set picnic creativo - Lego® Duplo® 
Mattoncini anche per i bimbi più piccoli? Certo! Trovo che siano un gioco stimolante per la loro fantasia e necessità di fare esperienza con materiali, forme e colori diversi. I Duplo sono pensati proprio per i bambini di età compresa tra 2 e 5 anni e, tra i tanti, io sceglierei questo set per picnic con tanti mattoncini per preparare panini, hamburger e snack!
Prezzo €29,99

3. Bicchieri Circus - Rice 
Stare a tavola, anche per i bimbi, dovrebbe essere un piacere e per rendere più divertenti i momenti trascorsi insieme attorno a un tavolo perché non scegliere stoviglie pensate proprio per loro? I bicchieri Rice della linea Circus sono allegri, sicuri (la melamina resiste alle cadute accidentali che con piccoli commensali sono inevitabili) e colorati, impossibile non piacciano! 
Prezzo singolo bicchiere €5,30 
Prezzo Set 6 bicchieri piccoli € 31,50

lunedì 21 dicembre 2015

Regali di Natale: "cose belle"

Non so voi, ma per me i giorni di festa sono ideali per coltivare le proprie buone abitudini. Nel mio caso ciò vuol dire, naturalmente, dedicarsi con calma ai passatempi culinari, passare più tempo con la mia famiglia, coltivare hobby più o meno creativi, ma soprattutto avere tempo per prendermi cura di me. Sarà l’età, sarà che sono nata vanitosa, sarà che quando entro in profumeria provo l’istinto di acquistare tutto…
Tra i regali di Natale che vi consiglio non potevano mancare le “cose belle”: oggetti per coccolarsi un po’ che hanno un’anima food (perché anche per creme & co. gli ingredienti sono importantissimi!) o cose che hanno un’anima bella, progetti di persone che stimo e che portano avanti idee interessanti.

Piccoli regali che faranno felici gli amanti della bellezza a 360°.
1. Grapefruit&Ginger: lozione mani e corpo e gel esfoliante al pompelmo e zenzero - SBC 
Mettete pompelmo e zenzero in una crema per il corpo e otterrete il prodotto giusto per iniziare la giornata con una vera sferzata d’energia, un toccasana nelle giornate invernali in cui ci si sveglia un po’ mogi e c’è davvero bisogno di un aiuto per uscire di casa con la carica necessaria! Questo kit Grapefruit&Ginger di SBC, in vendita su QVC Italia, contiene un gel esfoliante per il corpo, per rimuovere delicatamente le cellule morte lasciando la pelle liscissima, e una lozione mani e corpo, idratante e profumata, che si assorbe velocemente ed ha una texture fresca e piacevole.
Prezzo € 39,75

Camilla, meglio nota in rete come Zelda was a writer, è una fucina d’idee, una donna che conosco e ammiro da anni perché i suoi progetti sono intelligenti e diffondono positività e bellezza (direi che ne abbiamo tutti bisogno in dose quotidiana). La sua ultima creatura è la realizzazione di un sogno, è La Cartoleria di Zelda was a writer che lei stessa definisce un luogo non luogo, ostinatamente analogico e in perenne ritardo sui tempi (ma – posso confermare - non sulle spedizioni).
Per il 2016 ho deciso di supportare il suo sogno, regalandomi un sorriso ogni volta che aprirò l’agenda: ho acquistato una #365di, l’agenda disegnata e realizzata da Camilla. Per me ho scelto quella a fiori, ma nello shop la trovate anche nelle versioni nera e grigia.
Prezzo €30

3. …zzi miei pochette - Funky Mama 
Altra donna ad alto tasso di creatività e testardaggine è Justine. Funky Mama, Strafi e creatrice di una linea di accessori, nata per realizzare la sua idea originaria di creare La Bag perfetta che rispondesse al 100% alle esigenze di donna e mamma sempre in movimento e in equilibrio tra stilosità e praticità. Nel suo shop troverete anche le …zzi miei, pochette di pelle made in Italy nate per contenere gli effetti molto personali che ogni donna ha in borsa. L’accessorio perfetto per le amiche del cuore.
Prezzo €44

giovedì 17 dicembre 2015

Ricette per Natale: crostata salata alla zucca

C’è una nonna dalla parti di Palermo (che poi sarebbe anche una mamma ma da 5 anni forse ha cambiato irrevocabilmente status) che in questi giorni è impegnata in un importante conto alla rovescia. A dir la verità ha iniziato a farlo a fine Ottobre e da allora è piuttosto indaffarata: immagina giornate di festa, pomeriggi di gioco, passeggiate e manicaretti da preparare. 

Tutto merito di uno scricciolo biondo alto 110 centimetri che sabato, dopo il concerto scolastico di Natale e un risveglio all’alba che metterà a dura prova tutta la famiglia, atterrerà a Palermo per le lunghe vacanze natalizie. 
Anche il piccolo non è da meno; per essere all’altezza della nonna ogni mattina a colazione domanda è oggi che partiamo? Ha già scelto due giochi da mettere in valigia e scritto una lettera a Babbo Natale con dettagliate istruzioni di viaggio. Sia mai che le renne si confondessero nel raggiungere la Sicilia…

lunedì 14 dicembre 2015

Regali di Natale 2015: "cose buone"

Natale è, anche, piacere di ritrovarsi con i parenti o con gli amici che consideriamo una seconda famiglia. Condividere momenti speciali, trascorrere insieme ore (e ore, e ore…) in cucina o attorno a un tavolo. Non sarebbe Natale senza i piatti della tradizione e quei rituali che si ripetono, piacevolmente immutati, anno dopo anno.
Oggi vi lascio le mie idee regalo per “cose buone”, da donare o mettere in tavola nei giorni di festa per gustarle con chi amiamo.
1. Edda Bianco Salento IGP - Cantine San Marzano 
Un vino al femminile - Edda significa Lei in dialetto - che è stato immaginato proprio come un’elegante donna del Sud, in un contorno di pietra bianca e barocco salentino. È un bianco opulento, importante, adatto all'invecchiamento, ottenuto da uve autoctone. Il 2014 è la prima annata e per questa prima vendemmia sono state prodotte solo 4667 bottiglie, numerate sul retro. Un regalo speciale da fare e magari conservare per un’occasione importante. 
Prezzo consigliato € 15


2 e 5. Bûche de Noël e Renna di cioccolato - Pascal Caffet 
In Francia non è Natale senza Bûche de Noël e quest’anno - fidatevi - insieme ai nostri tradizionali dolci delle feste lanciatevi nell’assaggio di queste bellissime e buonissime creazioni. La Maison Pascal Caffet è conosciuta per il pregiato pralinato e per le creazioni di alta pasticceria (il suo fondadore è stato anche Meilleur Ouvrier de France Pâtissier). In Italia li trovate a Torino e Milano e potrete scegliere quale specialità portare a casa: le bûches sono proposte in 4 varianti e anche in monoporzione (le bûchettes), io vi consiglio la “Impériale de Madagascar” a base di mousse al cioccolato nero, crème brulée alla vaniglia e tanti altri strati di dolcezza da scoprire cucchiaio dopo cucchiaio! Se volete fare un piccolo regalo dolce ci sono anche Babbo Natale, l’albero di Natale e la renna di cioccolato al latte Costa d’Avorio 40% con cuore pralinato alle nocciole del Piemonte. 
Prezzo Bûches grandi € 39, Bûchettes € 5,50 
Prezzo Renna € 14,00