martedì 24 marzo 2015

Tarte tatin di finocchi al timo, l'onda verde continua

Mio padre afferma con decisione (e con tono vagamente da presa in giro) che presto mi trasformerò in una capra. Talvolta estende questa sua perentoria frase anche agli altri componenti della famiglia, raggiungendo i toni tipici del nonno-disperato-che-vede-l’amato-nipote-ingiustamente-vessato con “vorrai mica trasformare minichef in un vegetariano”?

Dite che forse ho esagerato con le verdure? In effetti ultimamente ci stiamo specializzando in pasti vari e variopinti a base di vegetali di ogni tipo, principalmente per contrastare gli effetti nefasti della mensa scolastica. Fatto sta che da qualche tempo se devo immaginare cosa portare in tavola, ma anche pensare a ricette per il blog o per altri lavori che richiedono le mani in pasta mi viene spontaneo partire proprio da broccoletti, patate, cicorino e chi più ne ha più ne metta.

La tarte tatin di finocchi, per esempio, non saprei dirvi esattamente quando e perché ho deciso di cucinarla. I finocchi sono ancora di stagione, dolci e croccanti, e il più delle volte li mangiamo così come sono in insalata, magari con un po’ di scorza di limone e qualche oliva nera (passano gli anni ma l’ancestrale amore di minichef per le olive non si affievolisce). Le coste più esterne e la barbetta le uso sempre per addolcire i passati di verdura e può capitare, magari quando i finocchi restano troppo a lungo in frigorifero, che decida di farli saltati in padella con un filo d’olio. Massima esagerazione, una spolverata di parmigiano aggiunto a fuoco spento che si scioglie nel tempo necessario per servire i finocchi. 

Invece a questo giro ho deciso di impiegare il finocchio che avevo in casa per una tarte tatin salata e dai gusti semplici. C’è solo un po’ di timo fresco a profumare la naturale dolcezza del finocchio, lasciato intatto cuocendolo prima con solo una noce piccola piccola di burro. Stesa la pasta, coperti i finocchi, ho passato il tempo di cottura a chiedermi se l’effetto sarebbe stato lo stesso della classica tatin di mele. La risposta è no, ovviamente, perché non c’è lo zucchero che si caramella, ma vedrete comunque delle soddisfacenti bollicine brune che escono dall’impasto e sono il segno che la strada è quella giusta. Medito di ricoprire di pasta brisée molte delle verdure che da adesso in poi verranno a colorare le nostre dispense, perché tra i piccoli piaceri della vita oggi aggiungo anche il rovesciare una tarte tatin senza romperla, trovando ogni volta in se stessi un pizzico di stupore per la riuscita della cottura e una profonda soddisfazione per l’impresa culinaria compiuta.

Perché no, papà, l’onda verde continua e non preoccuparti se tra qualche giorno inizieremo a belare! ;-)

Tarte tatin di finocchi al timo

Ingredienti per 2 persone (per una tarte tatin da 20cm di diametro)
  • 1 finocchio piuttosto grosso
  • 150gr di pasta briseée (qui trovate la mia ricetta per farla)
  • 20 gr burro
  • 1 rametto di timo fresco
  • sale
Lavate il finocchio, privatelo della barba e delle coste più esterne (io le tengo da parte per brodi e vellutate) poi tagliatelo a spicchi. Fate sciogliere il burro in una padella antiaderente, quando inizia a schiumare unite il finocchio, salate e fate cuocere per una decina di minuti girando di tanto in tanto. I finocchi dovranno dorare senza bruciare, negli ultimi minuti di cottura unite le foglioline di timo.

Foderate con carta forno una placca e disponete al centro i finocchi, dandogli una forma tonda e sovrapponendoli tra di loro in modo che non ci siano buchi. Stendete la pasta brisée sottile (dovrà essere altra circa 3mm) e usatela per coprire i finocchi, facendola aderire bene e premendo con le dita affinché la pasta copra uniformemente tutti i finocchi. Con un coltello eliminate gli eccessi di pasta, infornate a 180°C. per 30 minuti. Sformate e fate leggermente raffreddare, poi capovolgete la tarte tatin su un piatto da portata facendo attenzione. Servite con formaggio di capra e un'insalata di stagione per un pasto leggero ma davvero sfizioso.

2 commenti:

  1. alla fine ieri l ho fatta al volo dopo aver letto il post il giorno prima..spettacolare,!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Valentina, sono contenta che ti sia piaciuta!

      Elimina

Commenti, domande, suggerimenti qui sono sempre ben accetti!
Ditemi la vostra e se non avete un account blogger usate Nome/url e ricordate di firmarvi altrimenti a chi rispondo? :-)