mercoledì 17 giugno 2015

Merende di Giugno: crostoni con erbette e briciole di salsiccia

Giugno è un mese strano, lo penso da sempre ma specialmente da quando sono mamma. Le settimane che ci separano dalle vere vacanze e dalle atmosfere pienamente estive sono ancora numerose ma è come se nell’aria ci fosse già qualcosa che sa di partenze, pensieri leggeri e piedi nudi.

Sarà che con la fine delle scuole le strade si popolano di ragazze in sandali e gonne fiorite, saranno i costumi che ammiccano dalle vetrine o il grande caldo che in città mette tutti ko. Più probabilmente, e più realisticamente, questo anticipo d’estate è merito dei classici pensieri da genitore, alle prese con la fine dell’asilo e le tipiche conversazioni “Tu cosa fai? Li mandi dai nonni al mare? Ah, li hai iscritti al campo estivo”.
Giugno è il mese che tira i fuori i superpoteri delle mamme che in queste settimane raffinano l’antica arte dell’equilibrismo, nella fattispecie tra il lavoro dal ritmo immutato e quella gestione dei figli fatta di oratori, sacche intercambiabili per piscina/tennis/basket, numeri di telefono sui post-it, cappellini e crema solare sui sedili dell’auto.

Io mi barcameno come posso (per la trasformazione in wonderwoman devo ancora attendere un upgrade) con un grande supporto della scuola aperta fino alla prossima settimana, dello chef super attivo e della mamma arrivata da Palermo da qualche giorno. 
Ho le mie liste di cose da fare la cui presenza mi conforta, la cucina incessantemente in funzione e pur non sapendo ancora che forma prenderà la nostra estate sono fiduciosa. A modo nostro, come sempre, riusciremo a riposarci, divertirci e ricaricare le batterie. Ma se adesso dovessi dirvi dove mi piacerebbe trovarmi, escluse le mete eccessivamente esotiche e improponibili, mi teletrasporterei nel cortile interno del Ratzkeller di Monaco di Baviera, seduta a un tavolino a sorseggiare una birra gigante accompagnata da un Nürberger bratwurst o una semplice fetta di pane nero e burro. 

Il brotzeit tedesco - letteralmente “tempo del pane” ossia la merenda pomeridiana che può essere più o meno ricca - lo prescriverei a tutte la mamme, quasi fosse una medicina. Perché è più rilassato di un comune aperitivo e, birra esclusa, si può condividere con i bambini e perché lo sapete quanto creda nel potere conciliante e rasserenante del burro buono (e i tedeschi di burro ne sanno a palate). Già mi ci vedo serena al tavolino a godermi il freschetto di Monaco, magari dopo una passeggiata al vicino Viktualienmarkt (il mercato cittadino), con un libro da leggere e i miei uomini al fianco impegnati nelle loro maschie discussioni su Star Wars e affini. Sarà senz’altro merito dei bellissimi ricordi di un viaggio in Baviera fatto con lo chef diversi anni fa, ma giuro che il solo pensiero mi fa stare meglio.

Care mamme: a giugno più brotzeit per tutte! E pazienza se non abbiamo uno scenario idilliaco a farci da cornice, con lo spirito di adattamento e improvvisazione che caratterizza questo periodo, anche il balconcino di casa saprà trasformarsi per l’occasione e stupire i nostri figli. Provare per credere, no?

La ricetta di oggi riassume la mia idea di brotzeit: ci sono alcuni elementi tipici della merenda classica tedesca (il pane, la salsiccia) uniti a ingredienti più freschi come la ricotta e le erbette, quel tocco verde che non manca mai nei miei piatti. Io ho completato i crostoni solo con una spolverata di pepe nero perché la salsiccia lodigiana che ho usato era particolarmente saporita, se amate i contrasti potete aggiungere dello zest di limone, giusto una puntina. 

L’abbinamento con la birra è d’obbligo e nasce dalla collaborazione con Cantina della Birra che mi ha proposto di ideare una ricetta da accompagnare alla Finesse, una birra belga ambrata. Pur non essendo una weiss (normalmente la mia prima scelta quando ordino una birra), il suo sapore dolce e piacevole mi ha riportata alle atmosfere del brotzeit e la merenda a base di crostoni e birra è stata un vero successo familiare!

Crostoni con erbette e briciole di salsiccia
Ingredienti per 6 persone
  • 6 fette di pane di grano duro
  • 1 mazzetto di erbette (circa 200gr)
  • 100gr salsiccia
  • 50gr ricotta vaccina fresca
  • 1 spicchio d'aglio sbucciato
  • sale, pepe
  • olio extravergine d'oliva
Lavate e mondate le erbette, scottatele un minuto in acqua bollente leggermente salata poi scolatele. In una padella antiaderente scaldate un cucchiaio d'olio, aggiungete l'aglio e le erbette, regolate di sale e fate saltare per qualche minuto poi mettete le erbette cotte in una ciotola e tenete da parte.

Eliminate il budello dalla salsiccia, sgranatela e cuocetela nella stessa padella in cui avrete cotto le erbette, senza aggiungere condimenti. Continuate la cottura finché le briciole di salsiccia saranno ben dorate. Tostate le fette di pane e assemblate i crostoni spalmando su ognuno un po' di ricotta, completate con le erbette, le briciole di salsiccia e una spolverata di pepe nero macinato al momento.

4 commenti:

  1. Giugno è il mese dei pensieri leggeri, quelli legati alle vacanze e ai posti da scoprire. È il mese delle attese, che sia vera estate e non solo l'inizio. Il mese che quando ero universitaria significava studio matto e disperatissimo. Da in un anno giugno per me è un mese legato a un momento triste, al bisogno di in abbraccio costante e impellente, al bisogno di premere il tasto rewind per cancellare quello che non mi piace. Giugno è il mese in cui da un anno a questa parte rivedo e stilo di nuovo le mie priorità e quest'anno è la voglia di leggerezza e pensieri felici a farla da padrone. E colgo la tua idea al volo, mi metto sul balconcino di casa e preparo un crostone da sorseggiare mentre leggo rannicchiata sulla sedia.

    RispondiElimina
  2. cara Paola, non so quale siano i tuoi pensieri tristi di giugno però quel desiderio di leggerezza e felicità di cui parlo lo sento mio al 100% e credo che talvolta basti come spinta a fare e a costruirla davvero questa felicità. Io te lo auguro di cuore.
    Buon brotzeit!
    Claudia

    RispondiElimina
  3. Mi piace tantissimo questo termine!
    Suona come una magia e forse lo è...Io come te cerco di far quadrare tutto (anch'io ho chiesto per l'upgrade,ma pare che la lista di attesa sia lunghissima ;) ) e come sempre mi perdo qualche pezzo e il tempo sembra essere svanito nel nulla, ma poco importa, per una merenda così il tempo si trova!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, basta solo il nome per pensare a qualcosa di magico e sentirsi subito in vacanza! Cara Manuela, mi sa che noi mamme dobbiamo darci da fare senza pretendere l'impossibile da noi stesse. Forse solo così possiamo superare indenni i periodi impegnativi come questo!

      Elimina

Commenti, domande, suggerimenti qui sono sempre ben accetti!
Ditemi la vostra e se non avete un account blogger usate Nome/url e ricordate di firmarvi altrimenti a chi rispondo? :-)