martedì 14 gennaio 2014

Di Spicy Chocolate Cookies e liste non previste


Mi ero ripromessa di non farne, di programmi per il 2014.

Niente buoni propositi pronti a infrangersi al primo accenno di quotidianità. Basta alle infinite liste di cose da fare per le quali ho una disposizione innata.
Solo una legittima propensione alla positività, la voglia di rendere il nuovo anno bello senza dover necessariamente scalare montagne o decidere di cambiare vita da un giorno all’altro. Chiamiamola semplicemente aspirazione alla serenità.

C’è che però anche la semplicità ha bisogno d’impegno, anzi forse ne richiede di più. Implica concentrazione e pervicacia, costante attenzione da una parte e leggerezza dall’altra.


Vuol dire fermarsi a un certo punto della serata per impastare biscotti e riporre una palla d’impasto scuro in frigo, stupendosi di se stessi l’indomani e infornandoli tra un lavoro e l’altro giusto in tempo per il rientro del pupo da scuola.

Mi ricorda, questo desiderio di serenità, che dovrei dormire di più e spegnere almeno una volta la settimana la luce del comodino prima di mezzanotte (certo, se il marito facesse un altro lavoro magari sarebbe più facile…).

2014 che vuole occhi che sappiano vedere le persone belle e buone che mi zampettano intorno, tanto le cattive chissà come mai trovano sempre da sole la strada per bussare alla porta. Occhi (e piedi) che mi portino più spesso a vedere, sentire e mangiare in zone lontane dalla mia.

Impone, la serenità, di ricordarsi quant’è bello fare merenda insieme – mamme e bimbi, amiche, innamorati – sporcandosi le dita di cioccolato e bevendo tè caldo. Sgualcendo e macchiando angoli di libri amati, che siano storie d’amore vissute in epoche lontane, avventure di lupi buffi o fiabe di bimbi che regalano la luna alla mamma.

E, accorgendomene solo mentre le dita componevano queste frasi, ci sono cascata di nuovo.
Eccola lì, prepotente, la mia lista dell’anno nuovo. 

Ha un sapore più dolce però, quello che desidero per i prossimi 365 giorni.


Spicy chocolate cookies

Adattamento della ricetta dei Biscotti morbidi alle spezie de "Il libro d'oro del cioccolato", Mondadori.

Ingredienti per una ventina di cookies
  • 225 gr farina 00
  • 1 teaspoon* zenzero in polvere
  • 1 teaspoon cannella in polvere
  • 2 tablespoon* cacao amaro
  • 125 gr burro
  • 100 gr zucchero muscovado
  • 1, 25 dl golden syrup
  • 1 teaspoon bicarbonato
  • 100 gr cioccolato fondente
  • 50 gr zucchero semolato (opzionale)
  • sale
Setacciare la farina, il cacao, lo zenzero, la cannella e il sale in una ciotola capiente.

Lavorare il burro con la frusta elettrica o nella planetaria con la frusta ad alta velocità per un paio di minuti fino a quando sarà morbido, aggiungere lo zucchero e continuare a lavorare fino a ottenere una crema spumosa. Unire il golden syrup e far andare la frusta fino a quando l'impasto non sarà omogeneo.

Nel frattempo far sciogliere il bicarbonato in due cucchiaini di acqua bollente.

Incorporare metà degli ingredienti secchi alla crema di burro, aggiungere poi il bicarbonato e infine la restante parte di ingredienti secchi, continuando sempre a mescolare: alla fine il composto risulterà asciutto e compatto. Aggiungere per ultimo il cioccolato tagliato in piccoli pezzi mescolando con un cucchiaio di legno (o con le mani), formare una palla e riporla in frigorifero avvolta nella pellicola per almeno 3 ore. [ndr: io l'ho lasciata riposare una notte intera]

Formare delle piccole palline con l'impasto e distribuirle su una teglia rivestita con carta forno distanziandole bene tra di loro. Far riposare ancora 20 minuti in frigo e poi passarle nello zucchero semolato appena prima di infornare. Io ho usato uno zucchero troppo fine quindi non si è formata la granella che volevo, scegliendo uno zucchero semolato grosso invece l'effetto finale sarà di una bella granella lucida.

Cuocere i cookies in forno preriscaldato a 160° per circa 12 minuti, finché compariranno delle crepe sulla superficie. Farli raffreddare nella teglia e solo dopo conservarli in una latta di metallo; appena usciti dal forno infatti i cookies sono ancora molto morbidi e rischiano di rompersi se li spostate! Se conservati in un contenitore asciutto si mantengono per tre-quattro giorni.

*Per le misurazioni ho usato gli appositi cucchiaini e cucchiai dosatori che trovo molto più precisi per quantità così piccole di impasto dei normali cucchiaini da tè o cucchiai da tavola che, in assenza degli altri, potete usare senza problemi. Trovate un post molto interessante e utile sulle conversioni qui, sul blog di Ann.

*Questa ricetta è anche su The Breakfast Review.

9 commenti:

  1. già, più merende.
    e sì, la semplicità richiede sforzi indicibili.
    per questo 2014,vorrei sicuramente una merenda con te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Anna, speriamo che il 2014 riesca finalmente a farci incontrare a merenda o colazione come ci ripromettiamo da tempo. E che porti davvero il bello nelle nostre vite.

      Elimina
  2. e si dai, una lista di buoni propositi alla fine va fatta e la tua è ricca di semplicità e bellezza! In ritardo anche noi.. buon anno!
    Baci Ficoeuva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero che la lista, anche se non desiderata al 100%, mi aiuti a vivere al meglio il 2014.
      buon anno alla vostra bella famiglia

      Elimina
  3. Quella di spengere la luce prima della mezzanotte è una cosa che mi riprometto molto spesso anch'io, ogni volta che la mattina mi sento ancora troppo assonnata per alzarmi da letto, ogni volta che ancor prima di cena me ne andrei a letto filata, ogni volta che non posso fare a meno di notare le mie occhiaie scure quando mi guardo allo specchio. Ma è qualcosa che alla fine non riesco mai a fare. Mentre sì, dovrebbe entrare a far parte dei buoni propositi per il nuovo anno, riposarmi, nella misura in cui ne ho bisogno, non vergognarmi di sentirmi stanca e di aver bisogno di staccare, di non riuscire a fare tutto ciò che ho in mente in una giornata. La semplicità ha sì bisogno di attenzione, perchè non ci accontentiamo soltanto di questa. E andrebbe ritrovata la calma, la capacità di fermarsi per godere delle cose semplici come impastare dei biscotti. E farsi un tè, inzupparli, assaporarli, senza la fretta e l'ansia di cosa sarà dopo. Io mi prometto di riuscirci :)
    un abbraccio, buon anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io desidero fortemente mantenere i buoni propositi di inizio anno.
      mi auguro e ti auguro che i prossimi dodici mesi siano come li immaginiamo e che riusciremo a ritagliarci i giusti momenti per noi.
      buon anno

      Elimina
  4. Quante cose in comune !!! Ma non la ricetta di questi meravigliosi biscotti.
    Se ti va prova la nostra versione http://chefandwife.wordpress.com/2013/01/14/chocolate-chip-cookies/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuti! In effetti abbiamo tanto in comune, anche se qui ai fornelli stiamo entrambi ;-)

      Elimina
  5. When someone writes an piece of writing he/she keeps the
    idea of a user in his/her mind that how a user can know it.

    Therefore that's why this article is amazing. Thanks!



    Also visit my weblog - war of mercenaries cheat

    RispondiElimina

Commenti, domande, suggerimenti qui sono sempre ben accetti!
Ditemi la vostra e se non avete un account blogger usate Nome/url e ricordate di firmarvi altrimenti a chi rispondo? :-)