venerdì 1 giugno 2012

Gli arancini che prima erano un risotto


In cucina, io recupero, riciclo, riuso. Sono contenta di farlo.

Cerco di non sprecare nulla perché proprio mi dispiace che un ortaggio, un pezzo di formaggio o una fetta di pagnotta finiscano tristemente la loro vita nel fondo di un cesto della spazzatura. Non sono nati per questo ingiusto destino ma per regalarci momenti di piacere. Tuttavia c’e in me anche un’attenzione quasi maniacale per le date di scadenza e le modalità di conservazione che credo bilanci la spinta al riciclo selvaggio.


Insomma, non aspettatevi di trovare sul mio desco polpettoni dai misteriosi ingredienti, ma semplicemente dei piatti che – a volte – nascono dall’esigenza (condivisa con molti cucinieri casalinghi) di non sprecare. E così quando preparo il risotto aggiungo sempre la tazzina di riso ‘per la pentola’ (il marito meneghino mi ha insegnato a misurare le dosi a persona usando la chicchera del caffè), sicura che ci sarà qualche goloso pronto a finire il risotto o, mal che vada, se ne farà un riso al salto o degli arancini per un aperitivo last minute.


Ingredienti e quantità variano di volta in volta, com’è naturale che sia.

Oggi sono arancini che prima erano un risotto con la borragine (risotto alla parmigiana cui ho aggiunto negli ultimi minuti di cottura la borragine tagliata a julienne): si formano delle palline con il riso freddo, si passano nell’uovo sbattuto con un pizzico di sale e una punta di zafferano, poi in abbondante pangrattato, si friggono nell’olio di arachidi bollente fino a quando non sono ben dorati. Da mangiare caldissimi, quasi da scottarsi le dita, accompagnati da uno spritz…ed è subito weekend!

6 commenti:

  1. Brava, come sempre...

    RispondiElimina
  2. golosi questi arancini!! dovremmo imparare tutti l'arte del riciclo!brava!

    RispondiElimina
  3. Il risotto alla borragine deve essere buonissimo!!E anche la versione riciclo, non deve essere niente male!

    RispondiElimina
  4. Con me sfondi una porta aperta. Piuttosto che buttare via(per quanto riduca le porzioni, essendo da sola capita sempre di avere degli avanzi), invito mio fratello che da brava aspirapolvere si spazzola via di tutto! Oppure riscaldo e il giorno dopo al lavoro si mangia esattamente quello che ho mangiato la sera prima! Non sempre rielaboro però, invece il tuo è un "riciclo"(non viene nemmeno da chiamarlo così) di tutto rispetto! Ti diro che una di queste perfette palline me la mangerei anche adesso e magari si è anche un pò raffreddata ;)! Un bacio

    RispondiElimina
  5. Ultimamente l'idea degli arancini con il risotto avanzato stanno diventando una moda! Dopo quelli dei Singerfood al Taste ne ho visti un sacco e di tante varianti!
    Trovo che l'idea sia utilissima per evitare gli sprechi, molto golosa, e anche in linea con la nostra adottiva Milano!
    Con la borragine...ma che buoni!!!

    RispondiElimina
  6. L'uso della borragine mi manda in visibilio. Brava.

    RispondiElimina

Commenti, domande, suggerimenti qui sono sempre ben accetti!
Ditemi la vostra e se non avete un account blogger usate Nome/url e ricordate di firmarvi altrimenti a chi rispondo? :-)