lunedì 28 maggio 2012

Il troppo stroppia (?)


Ieri mi sono lavata i denti. Con una mano facevo andare lo spazzolino, con l’altra scorrevo lo schermo del mio iphone, leggendo e commentando gli ultimi tweet. Tralasciando le conseguenze di quest’azione sulla mia igiene orale, la cosa (fattami notare dallo chef non senza una punta di fastidio) mi ha fatto fermare e riflettere.

Sono troppo dentro la tecnologia che mi circonda?

In realtà è da un po’ che penso a quanto tempo dedico a internet, social network, telefonino, blog, eccetera. Lungi da me demonizzare tutto ciò (difficilmente potrei farne a meno) ma la domanda che mi faccio è: a cosa rinunciamo per un aggiornamento di stato?

Appena arrivata a Milano ho adottato l’usanza del libro in metropolitana. Bastano 4-5 fermate per leggere qualche pagina, magari senza la necessaria tranquillità ma con la gioia di ritagliarsi un momento tutto per sé anche nel bel mezzo del caos cittadino. In questi giorni sono salita su tutte le tre linee della metropolitana milanese e di avidi lettori ne ho trovati ancora, ma molti più passeggeri avevano naso e occhi persi nello schermo di un telefono.

Forse è il caso di tornare alle sane, vecchie regole che ci davano i genitori quando avevamo un gioco nuovo. Mai a tavola o a letto (com’era il detto a proposito di chi ci cantava?!? ;-), la mattina solo dopo la colazione, il pomeriggio bisogna prima aver finito i compiti. Sto esagerando, ovviamente, ma il desiderio di ‘consumare con moderazione’ l’ho davvero e sono certa che una maggiore accortezza nel farlo non potrà farmi male. E poi c’è così tanto da fare fuori dallo schermo, tra idee da trasformare in progetti concreti, ricette da preparare, inseguimenti scatenati con il nuovo bipede di casa… :-)

Anche a tavola ho voglia di leggerezza, di ingredienti colorati e di prepararmi all’estate con piatti buoni per palato e linea. Bicchierini di frutta, quindi, con un tocco di mousse di formaggio per dare più consistenza e morbidezza. Li preparo spesso quando ho amiche a cena, a volte aggiungo degli amaretti o dei biscotti sbriciolati, la frutta varia seguendo la disponibilità del mercato.

Buona (e leggera) settimana a tutti.
Vi farò sapere come vanno i miei esperimenti di dieta tecnologica (Giusto per essere coerente venerdì sarò alla #ggdmilano21 dedicata alla tecnologia a tavola. Dite che le girls più tecnologiche che ci siano abbiano la soluzione per i miei problemi?)


Bicchierini di fragoline e mango
Ingredienti per 2 bicchierini
  • 1 mango piccolo 
  • 50 gr fragoline 
  • 50 gr ricotta vaccina 
  • 50 gr mascarpone 
  • 1 cucchiaio zucchero a velo 
  • 1 punta di coltello di vaniglia in polvere 
Lavare il mango, pelarlo e privarlo del torsolo. Frullare la polpa e tenerla da parte. Lavare delicatamente le fragoline e asciugarle con cura. In una ciotola unire la ricotta e il mascarpone, aggiungere lo zucchero a velo e la vaniglia, lavorare con una forchetta fino a ottenere una crema omogenea.

Preparare i bicchierini distribuendo sul fondo la polpa di mango, aggiungere la crema di formaggio e completare con le fragoline.


Aggiornamento dell'11 giugno: con questi bicchierini partecipo alla raccolta "Dolci al cucchiaio" di BperBiscotto.

18 commenti:

  1. Già a vederlo, questo è un eccellente dessert, l'abbinamento è ineccepibile, nel solco della regola del "tre" . E complimenti anche per la qualità costante delle foto ;-)

    RispondiElimina
  2. Guarda, non dirlo a me. Io non ho uno smartphone (ok, forse sono rimasto l'unico) ma comunque sto sempre attaccato a twitter, blogger e facebook. Quante volte sei lì che fai qualcosa e ti vien voglia di twittare qualcosa?! Devo assolutamente comprare uno smartphone e basta rinunciare alle tentazioni!! Tentazioni tipo i tuoi bicchierini... buonissimi!

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  3. Non sai quanto ti capisco.... io ho i miei momenti di disintossicazione forzata ogni volta che vado in campagna....lì non prende il cellulare, figuriamoci il 3G! mi sento tagliata fuori, a volte mi manca, ma il più delle volte gioisco dell'essere obbligata a star fuori dal mondo e rifugiarmi in quell'angolo di mondo!
    Questo bicchierino....invitantissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarà una disintossicazione forzata ma credo ci voglia, almeno durante il weekend!
      adesso capisco dove sei quando sparisci dalla rete ;-)

      Elimina
    2. chissa che bontà ci porti stasera al #ggdmilano21
      :-)

      Elimina
  4. Io mi perdo le fermate anche senza libro, figuriamoci se mi mettessi a leggere qualcosa che mi coinvolgesse in metro!!!Sai i capolinea che andrei ad esplorare ;P! Però un'occhiata al telefono la devo assolutamente dare, sempre e costantemente, linea permettendo, soprattutto dalle mie amene parti!
    Ultimamente cmq sto facendo dei passi avanti soprattutto a casa. Non accendo il pc finchè non ho finito di fare colazione e nel letto meglio un bel libro o qualche rivista(impegnata!)! Vediamo quanto dura! Buona settimana anche a te! Io intanto rubo una, anzi facciamo due, fragoline!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava Sara, mi sembra che i tuoi passi avanti siano davvero grandi (più o meno anche io mi sto impegnando su queste cose). per la metropolitana che dirti, la lettura in movimento mi piace da pazzi e pazienza se perdo la fermata (cosa che tra l'altro mi capita anche senza dover dare la colpa ai libri!) baci e buona settimana

      Elimina
  5. ...mi pongo la stessa domanda anch'io, ci sono giorni in cui mi chiedo quante altre cose riuscirei a fare se non perdessi (a volte) tempo dietro al web in ogni dove. Forse abbiamo davvero bisogno di riprenderci i nostri spazi, magari in un luogo dove "non c'è campo".

    Un abbraccio*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Francesca,
      anche io a volte desidero di essere totalmente off line senza che ciò mi causi "crisi da astinenza". il punto è proprio questo: fino a dove l'uso è legittimo senza diventare abuso o perdita di tempo? domandona - mi rendo conto - ma credo che un equilibrio ci sia e renda più sano il rapporto che si ha con tutta la (meravigliosa) tecnologia che ci circonda!

      Elimina
  6. lo so che dovrei dire qualcosa di sensato sul tuo post (che condivido appieno, ma proprio non riesco a resistere...!!) ma la golosa che è in me non riesce a trattenersi dal porti una domanda essenziale: dove cavolo prendi le fragoline di bosco???? Ne vado pazza ma non le trovo da nessuna parte :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Giada! dovrei risponderti che le ho delicatamente raccolte dalla piantina che cresce sul mio balcone...ma visto che balcone non ne ho e fino a oggi il mio pollice verde non è pervenuto sarò sincera: le ho trovate all'Esselunga! viste e prese al volo, perché anche per me acquistarle è difficilissimo, si trovano raramente

      Elimina
    2. Uff solo io non le trovo da nessuna parte :(( grazie, sei un tesoro :)

      Elimina
  7. A volte mi trovo a fare le stesse riflessioni soprattutto quando mi ritrovo a fotografare il sugo che bolle con il rischio di farci cadere dentro lo smartphone :D
    In ogni caso la regola "mai a tavola o a letto" è davvero essenziale, indice di buon senso e di buona educazione: non sopporto quelli che smanettano con il telefono a tavola (foto dei piatti a parte, ma quelle si fanno prima di mangiare) :) Ah, e hai ragione mamma, internet solo se abbiamo fatto già i compiti ;D

    RispondiElimina
  8. Già il fatto di arrivare a moderarsi è una presa di coscienza importante, di lasciare il telefono spento o a casa peró non sono ancora arrivata ....magari giusto un'ora ogni tanto ;-)))
    Baci e buona settimana

    RispondiElimina
  9. Eh.... discorso ampio e difficoltoso, io stò cercando un equilibrio tra le cose, non posso passare 3 o 4 ore al pc per il blog o fb, non è giusto nei confronti anche di chi mi circonda ma non è giusto neanche per me stessa, non riesco neanche a provare le ricette che avidamente salvo e classifico... E poi ora arriva l'estate, il caldo mi piace uscire, leggere e se posso rilssarmi un attimo... devo cercare il giusto peso ecco! E anche nell'alimentazione faccio il mio percorso e così questo dolce mi pare perfetto ed equilibrato! Un bacione

    RispondiElimina
  10. Ottimo il bicchierino, e non parlo per sentito dire ;-)
    Ma ancora meglio le tue considerazioni su abusi tecnologici, che condivido con il medesimo tono dubitativo. La domanda però resta: cosa mi sto perdendo in questo esatto momento?!

    RispondiElimina
  11. Ciao Claudia, riflessione molto interessante e davvero bel blog, ti ho immediatamente inserita nel mio reader!
    (Peccato che da intollerante al latte non potrò farmi questo golosissimo dolce)
    Stasera spero di avere l'occasione di conoscerti!

    RispondiElimina
  12. Aggiunta alla raccolta. Grazie Claudia <3

    RispondiElimina

Commenti, domande, suggerimenti qui sono sempre ben accetti!
Ditemi la vostra e se non avete un account blogger usate Nome/url e ricordate di firmarvi altrimenti a chi rispondo? :-)