giovedì 31 marzo 2011

Maternità, proclami e frullati

Io sono quella che proclama fiera la propria integrità culinaria davanti al banco frigo del supermercato (niente cibi che saltellano allegramente in cucina!), che sostiene la necessità di sedersi davanti ad una bella tavola apparecchiata per gustare al meglio il pasto e per beneficiare delle virtù di ciò che si mette nel piatto, che asseconda (quasi) sempre il marito negli acquisti al mercato/drogheria/qualsiasi luogo che venda alimenti e nelle sperimentazioni ai fornelli e poi si ritrova nella dispensa chili di spezie impossibili da smaltire. La lentezza è una virtù che, applicata alla cucina, mi trova totalmente d'accordo perché porta a risultati sublimi.

Ma quando bisogna scegliere tra mangiare e... dormire, tutti questi proclami sapete che fine fanno?!?!? Ho già fatto fuori le scorte accumulate nel congelatore e oggi mi ritrovo di fronte a una nuova sfida: cucinare, mangiare, riordinare in 20/30 minuti netti. Obiettivo: pisolino pomeridiano di almeno 30 minuti consecutivi :)

Posto che devo necessariamente alimentarmi per soddisfare le necessità nutrizionali del piccolino (altrimenti io dormirei a oltranza!), vorrei evitare di saccheggiare il frigo senza una logica, per la serie formaggio e pane in piedi. Ieri, giunta l'ora X - pupo nutrito, lavato, messo a letto e addormentato profondamente - mi sono ricordata delle merende dei tempi di scuola quando un bel frullato mi dava la carica per intensi pomeriggi di studio. Adesso che studio da mamma un frullato ipervitaminico può essere un pranzo perfetto: veloce, soddisfacente e nutriente allo stesso tempo! Niente ricetta perché nei frullati va quello che c'è in casa, seguendo i gusti e desideri del momento. Il mio ha il profumo dell'infanzia, i sapori della fragola e della banana, uniti da un goccio di latte ed esaltati da un accenno di vaniglia. Buona merenda!

PS: Ma come facevano le nostre nonne e mamme nell'epoca pre-microonde??? E voi, mamme in rete, come fate? Forza, datemi qualche idea per i prossimi pranzi improvvisati!

7 commenti:

  1. Povera...immagino, ho sentito discorsi simili da amiche mamme. Ma quanta soddisfazione quando hai il tuo pupetto tra le braccia eh? :) Un bacione

    RispondiElimina
  2. Come ti capisco, non perchè sia mamma ma perchè il frullato è la mia merenda-salvezza nei pomeriggio di studio. Abbiamo qualcosa in comune :)

    Silvia

    RispondiElimina
  3. @ Blueberry: hai proprio ragione, la fatica e il sonno perduto svaniscono come per magia non appena mi guarda... e in questi giorni ha anche iniziato a sorridere :-))))
    @ Silvia: visto che anche tu ami i frullati aspetto qualche dritta ;)

    Buona settimana!

    RispondiElimina
  4. Che bella questa foto..... Baci!

    RispondiElimina
  5. ......volevo dire quella con il frullato e il tovagliolino......!

    RispondiElimina
  6. Hai ragione, il frullato rimanda davvero a ricordi d'infanzia. Ottima idea! Con un goccio di rhum, poi, rimanda ad altri ricordi altrettanto piacevoli, ma per una pranzo o una merenda forse è meglio lasciare stare ;-)
    Ciao,
    F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il rhum nel frullato non l'avevo considerato... però adesso che non allatto più un pensierino potrei farcelo ;-)

      Elimina

Commenti, domande, suggerimenti qui sono sempre ben accetti!
Ditemi la vostra e se non avete un account blogger usate Nome/url e ricordate di firmarvi altrimenti a chi rispondo? :-)