venerdì 15 novembre 2013

Intermezzo autunnale (di viaggi, cene e libri).


È autunno, dicevo qualche settimana fa, pronta a dedicarmi totalmente a calde e corroboranti zuppe e zucche!

Non ho fatto in tempo a scriverlo che un viaggio siculo fuori dai canoni mi ha catapultata nuovamente in spiaggia. Munita di tablet e fogli per lavorare certo… ma volete mettere la bellezza di fare la pausa-bagno invece di quella caffè?


Le giornate siciliane sono state un intermezzo perfetto prima di immergermi, questa volta solo metaforicamente, nella stagione fredda che tanto amo. Probabilmente nella mia infanzia devo aver accumulato così tanto calore che adesso alle prime avvisaglie d’estate inizio a scalpitare. 
I controsensi: tanto mi rasserenano sole e mare ottobrini, quanto faccio fatica a gustarmeli in agosto. 
Chissà che non cambi con l’età.


Adesso vivo felice i momenti che quest’autunno sta portando nella mia vita. Sono tanti e belli. 
Così tanti che non riesco a fermarli e sono qui a scrivervi di venerdì sera quando improvvisamente tutto appare calmo, fermo quasi di botto.

I lavori nella casa nuova sono iniziati e pare non ci siano brutte sorprese dopo i primi muri abbattuti e pavimenti sollevati. Speriamo di non doverci ricredere.

Il mio mac mi ha temporaneamente abbandonato, è a rifarsi la scheda video e in attesa che ritorni io vago irrequieta da un contenitore tecnologico all'altro (motivo per cui le foto che vedete sono tutte opera dell'iphone, la macchina fotografica è in vacanza forzata).


È arrivato il novello, preludio di un’infilata di settimane veloci e inafferrabili che conducono dritte dritte al Natale. Quest’anno il déblocage è coinciso con una cena casalinga per dare finalmente “consistenza” a una cucina vista tante volte sullo schermo televisivo e del computer. Ospite da Stefano e Riccardo (gli Gnam Box ) per una serata informale e piacevole, in cui il vino è stato ottimo pretesto per tante, tantissime parole.
photo courtesy of Gnam Box
Grazie Gnam Box e Cavit per l’invito, mi avete fatta sentire a casa di amici.


Autunno in cui è stato pubblicato il primo libro scritto da me.

Non è un libro di cucina o ricette, neanche un romanzo. “Attenti a quei due a Milano” è la prima pubblicazione di una collana di libri illustrati dedicata all’architettura spiegata ai bambini. Io ho scritto i testi e domani li leggerò in pubblico per la prima volta. Speriamo che la baby platea apprezzi, stasera per sicurezza ho fatto una prova con minichef e adesso vado a riposare, domani sarà una lunga giornata.
Buonanotte e ci rileggiamo presto (è un impegno).


1 commento:

Commenti, domande, suggerimenti qui sono sempre ben accetti!
Ditemi la vostra e se non avete un account blogger usate Nome/url e ricordate di firmarvi altrimenti a chi rispondo? :-)