martedì 9 aprile 2013

Crumble di mele e lamponi e la congiura dei "no"


Il momento è delicato, di quelli che necessitano di continue attenzioni.
Uno sbaglio e sei perduto per sempre. Un passo falso, una parola inappropriata o anche solo una smorfia non celata del viso possono vanificare mesi e mesi di duro lavoro.

No, no, no”.

Le mie orecchie sentono decine di negazioni ogni giorno, a ogni ora. Siamo entrati nella fase dei no, quel momento che – pare – attraversano tutti i bambini. Delizia e croce di sconsolati genitori che vedono trasformarsi gli amati pargoli in dittatori in erba.

Il più delle volte, per la verità, quei no escono dalla bocca di minichef senza un’apparente ragione, slegati dal contesto e dal momento. Come se per affermare se stesso e la sua volontà avesse bisogno di ripetere incessantemente quella piccola magica parolina.
Altre volte, invece, i no sono forti, chiari e inequivocabili. Sono i no che mi demoralizzano di più, quelli contro cui non sono ancora riuscita a trovare una risposta adeguata, io che a detta di molti non rimango mai senza parole.

Minichef usciamo?” - “NO!
Adesso mettiamo tutti i pezzi del puzzle nello scatolone” – “NO!
La merenda è sul tavolo” – “NO!” (perché?!?)

L’unica strategia attuabile è la passività, cercare di non perdere la pazienza applicando la vecchia regola del “conta fino a dieci prima di parlare”. Mi auguro che la tranquillità serva a non enfatizzare i suoi atteggiamenti, rinforzandoli. Funzionerà? Speriamo, io intanto in quei dieci secondi di forzato silenzio continuo a ripetermi “vedrai che passerà, è solo una fase, passerà” neanche fosse un mantra.



Capita così che la sera, un po’ provata dalla giornata e in cerca di motivazione, mi regali un piccolo dolce. A volte è solo un cioccolatino o un frollino, in altri casi invece preparo un vero dessert come questo crumble, infornato qualche sera fa prima di cena e mangiato ancora tiepido, con le mele morbide e colorate di rosa dai lamponi.

Nell’impasto del crumble ho usato dei cantuccini alle mandorle cui ho aggiunto un po’ di farina, zucchero e burro per ricreare l’effetto delle briciole. Una pallina di gelato alla crema l’avrebbe reso perfetto ma non è ancora il periodo dell’anno in cui ho sempre una vaschetta di gelato in freezer. Rimedierò, si dà il caso che il gelato sia una di quelle cose alle quali anche minichef non riesce a dire di NO!



Crumble ai cantuccini di mele e lamponi
Ingredienti per 4 persone

Per il ripieno:
  • 2 mele Golden 
  • 80 gr lamponi 
  • 2 cucchiaini farina 00 
  • 4 cucchiaini zucchero di canna 
Per il crumble:
  • 70 gr cantuccini alla mandorla Sapori di Siena
  • 40 gr burro 
  • 2 cucchiai da tavola farina 00 
  • 1 cucchiaio da tavola zucchero di canna 
  • qb sale 
Lavare e sbucciare le mele, tagliarle in cubetti. In una ciotola unire le mele, i lamponi, la farina e lo zucchero di canna, mescolando gli ingredienti delicatamente.

Sbriciolare i cantucci e preparare il crumble raccogliendo in una terrina le briciole di cantuccini,  la farina, lo zucchero e una presa di sale. Aggiungere il burro freddo tagliato a cubi e lavorare gli ingredienti con la punta delle dita fino a quando non si formeranno delle briciole.

Distribuire la frutta sul fondo di una tortiera imburrata o in cocottine monoporzioni e ricoprire tutto con l'impasto da crumble. Cuocere in forno a 180° per 20-25 minuti circa, fino a quando il crumble non sarà dorato in superficie.

NB: Se usate dei cantucci fatti in casa vi consiglio di non ripassarli in forno dopo la prima cottura ma di prolungare di 5 minuti la cottura del crumble.

8 commenti:

  1. Scommetto che a questo dolcetto Minichef non ha detto di no :D

    Tanta solidarietà, Claudia, per il primo periodo di ribellione del piccolo <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Ann per la solidarietà, ne ho proprio bisogno!

      Elimina
  2. Non m'intendo di bambini e non ho presente questa fase, ma ricordo invece bene quella del "perchè?" "come mai?" ad ogni cosa, e come è passeggera questa penso davvero davvero che il piccolo si stancherà di dire di no a tutto, quando vedrà che forse non gli conviene..sei tu che hai l'arma del gelato in mano, infondo!;)
    in compenso io non potrei mai dire di no a questo crumble, interessante il cantuccino sbriciolato sopra..mmh..:)
    un abbraccio:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meglio non pensare adesso alla fase dei perché, quella sì che metterà a dura prova pazienza e fantasia :-)
      il cantuccino sbriciolato nell'impasto da crumble dà un tocco di croccante in più e il profumo della mandorla che secondo me si unisce bene al sapore delle mele.

      Elimina
  3. Neanche al tuo crumble si può dire di no!!! Ma che scherziamo...? Un abbraccio! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Alessandra, in effetti con alcuni manicheretti riesco a scongiurare la raffica dei no ma ti assicuro che non è così scontato. a presto, Claudia

      Elimina
  4. UUUh se me li ricordo quei signor NO gridati ad alta voce! Li ricordo eccome!
    A me ha aiutato tantissimo leggere "I no che aiutano a crescere" bellissimo libro se ancora non l'hai letto!
    Hai ragione da vendere, in questi casi un crumble salva la vita!
    Io però te ne rubo lo stesso un pezzetto, anche se quella fase per me per fortuna ;) è passata da un pezzo ^__^ Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anastasia, ho annotato il libro e credo che mi butterò a capofitto nella lettura prima di soccombere ai no di minichef!
      Nell'attesa di approfondire l'argomento, continuerò a darmi ai dolci rimedi :)

      Elimina

Commenti, domande, suggerimenti qui sono sempre ben accetti!
Ditemi la vostra e se non avete un account blogger usate Nome/url e ricordate di firmarvi altrimenti a chi rispondo? :-)